Il dottorato in Scienze dell'antichità e archeologia


    Il Dottorato di ricerca in “Scienze dell’Antichità e Archeologia – Progetto Pegaso” è un consorzio tra le tre università di Firenze, Pisa e Siena con sede amministrativa presso l’Università di Pisa. Raccoglie nel suo collegio docenti italiani delle tre università e attualmente attribuisce per concorso 11 borse di studio a qualificati concorrenti nell’ambito delle discipline di scienze dell’antichità e archeologia, accompagnandone la formazione dottorale nel triennio con una articolata offerta didattica informata da interdisciplinarietà e flessibilità. Il suo regolamento rispecchia il regolamento generale del dottorato dell’Università di Pisa. Gli studenti devono trascorrere in sedi non italiane un periodo di formazione pari a sei mesi, anche suddiviso in più periodi.

    Il Dottorato Regionale intende promuovere la presa di coscienza della sostanziale unità degli obiettivi della ricerca nel campo degli studi che attengono alla conoscenza del mondo antico e, tramite l’accorpamento di precedenti programmi di dottorato delle Università di Firenze, Pisa e Siena, omogenei nelle metodologie e nelle prospettive della ricerca, si pone l’obiettivo di formare dottori capaci di affrontare tematiche originali con adeguati e innovativi strumenti teorici e pratici per lo studio del passato, la memoria e la valorizzazione dei beni culturali.

    Il dottorato regionale intende proseguire e incrementare il livello d’internazionalizzazione precedentemente raggiunto dai programmi, con la partecipazione, sia nel collegio che nelle attività formative, di docenti stranieri, l’apertura a studenti stranieri, la prosecuzione di ricerche internazionali, il soggiorno all’estero dei dottorandi, lo svolgimento di lezioni e seminari in inglese o in altre lingue (francese, spagnolo e tedesco), la cotutela delle tesi con università straniere anche per il conseguimento del titolo di Doctor Europaeus.

    Il progetto si articola in tre curricula: Antropologia del mondo antico, Archeologia e Filologia.